Come scegliere un buon elettrostimolatore muscolare

Come scegliere un buon elettrostimolatore muscolare

L’elettrostimolazione funziona sulla base di un principio molto semplice: far contrarre volontariamente i muscoli e farli lavorare grazie alla stimolazione elettrica generata dagli elettrodi posti su alcune parti del corpo.

Per sfruttare l’elettrostimolazione ed ottenere risultati soddisfacenti, è necessario saper utilizzare un elettrostimolatore in modo efficace e soprattutto adottare la tecnica corretta.

A cosa serve l’elettrostimolatore muscolare

L’elettrostimolazione mira a stimolare le fibre nervose indotte dai muscoli mediante impulsi elettrici applicati sulla superficie della pelle mediante elettrodi. Questa stimolazione entra nella contrazione dei muscoli allo stesso modo del cervello attraverso i nervi durante una contrazione volontaria.

L’elettrostimolatore viene utilizzato per trattare diverse problematiche: per alleviare i dolori muscolari, per riabilitare la zona perineale dopo un accompagnamento, per ridurre il rischio di atrofia muscolare quando una persona deve rimanere a riposo assoluto, o muscolare per il recupero. Ecco perché gli elettrostimolatori sono tra le apparecchiature mediche essenziali utilizzate dai fisioterapisti.

I benefici dell’elettrostimolazione

Oggi gli elettrostimolatori sono ampiamente utilizzati, principalmente dagli atleti. Questi dispositivi lavorano sui muscoli ma non hanno alcun effetto sul cuore e sulla circolazione sanguigna.
Sono un complemento perfetto per l’esercizio fisico. Infatti migliorano le prestazioni sportive rafforzando i muscoli, sviluppando forza e resistenza. I loro risultati sono particolarmente efficaci nei quadricipiti e bicipiti, con risultati visibili in 3 o 4 settimane. Sono un complemento ideale per chi pratica atletica leggera, nuoto o sport di squadra.

L’aumento della forza (massa muscolare) può essere significativamente maggiore (fino al 50% in più) a seconda della zona muscolare scelta, e la sua efficacia è superiore a quella ottenuta con i metodi tradizionali. Gli elettrostimolatori sono utili da usare prima e dopo l’esercizio fisico per
riscaldare i muscoli ed evitare qualsiasi tipo di infortunio. Prima di praticare qualsiasi attività sportiva è possibile eseguire classici esercizi di stretching e riscaldamento, oppure utilizzare un elettrostimolatore per stimolare i muscoli prima dello sforzo fisico.

Lo stesso vale una volta terminata la sessione sportiva; è necessario un esercizio di allungamento per rilassare i muscoli ed evitare spiacevoli dolori. Gli elettrostimolatori sono perfetti per questo compito, in quanto favoriscono il recupero riducendo significativamente l’acido lattico.

Molte persone acquistano un elettrostimolatore con l’obiettivo di tonificare e sviluppare i muscoli. Questi dispositivi sono particolarmente efficaci sugli addominali, a condizione che si disponga di uno strumento di qualità e lo si utilizzi regolarmente in combinazione con l’attività fisica.

L’elettrostimolazione aiuta a mantenere il tono muscolare e migliora la silhouette senza perdere peso. Rassoda, tonifica e rimodella il corpo, combattendo la cellulite.


Scegliere il migliore elettrostimolatore

La scelta di un elettrostimolatore, per uso privato o professionale, dipende principalmente dagli obiettivi che intendiamo raggiungere: tonificare i muscoli, rilassare, curare dolori muscolari.
Quando si acquista un elettrostimolatore, ci sono generalmente tre tipi di programmi: massaggio e benessere (per alleviare dolori acuti e cronici come tensioni cervicali, lombari e sciatiche); programma fitness (per tonificare i muscoli e snellire); programma sportivo (per migliorare le prestazioni fisiche).

Un ulteriore aspetto da considerare nell’acquisto, potrebbe essere quello di scegliere un elettrostimolatore con i canali indipendenti l’uno dall’altro in modo da poter lavorare diverse aree muscolari con diversa intensità e personalizzare il tuo allenamento.

Se prevedi di utilizzare l’elettrostimolatore in luoghi diversi, necessiterai di un dispositivo portatile. Dovresti anche considerare se lo utilizzerai in modo intensivo o sporadico e scegliere di conseguenza l’autonomia del dispositivo. Esistono diversi tipi di elettrostimolatori. Ognuno di loro soddisfa un’esigenza specifica.

Che sia per lavorare addominali, pettorali o glutei, per curare il dolore, o semplicemente per un massaggio rigenerante, c’è sempre un prodotto che soddisfa le tue esigenze. Ora che conosci tutti i criteri da valutare per il tuo acquisto, puoi cercare il dispositivo più adatto a te e scegliere tra i migliori elettrostimolatori scontati.